“Non posso dirti se incontrerai l’uomo della tua vita, ma posso dirti perchè non riesci ad incontrarlo”

A. Jodorowsky

Tarocchi sono un libro sacro fatto di 22 pagine. Un libro che parla con un linguaggio universale. Questo linguaggio è l’analogia. Il linguaggio analogico è simbolico e non usa la razionalità per descrivere una idea o una cosa, ma coglie un “significato”.

Attraverso i 22 arcani è possibile capire chi abita il subconscio del consultante e scoperti questi abitanti se ne può intuire il suo destino. Diceva Carl Jung: “tutto ciò che rimane inconscio diventa destino“. Percui per me il destino di una persona è l’insieme di condizionamenti, credenze ed emozioni che, sotto forma di subpersonalità (i vari io), lo costituiscono come personalità e lo dirigono a sua insaputa. Solo quando un individuo comincia un percorso di “conoscenza di sé” e quindi di consapevolizzazione della coscienza può diventare sempre più padrone del proprio destino. Può scegliere se rimanere il frutto di un coscienza collettiva o diventare una coscienza individuale.

La realizzazione consiste proprio nella individualizzazione della propria coscienza e questa la si ottiene anche attraverso la conoscenza di ciò che abita dentro di noi.

Appena si diventa consapevoli si ha la libertà di scegliere cosa vogliamo essere, cosa vogliamo diventare e chi siamo realmente comeIdentità immortale e divina.

Può sembrare superstizioso pretendere di conoscere se stessi affidandosi alla scelta di carte in maniera del tutto “casuale“, ma la scelta non è mai casuale se il gesto viene fatto con raccoglimento e rispetto, perchè in questo caso parliamo di “sincronicità” e non di casualità.

Con i Tarocchi è stato amore a prima vista, sentivo di essere sempre stato innamorato di loro.
I Tarocchi si svelano a me e si concedono e tutte le volte che faccio una lettura, faccio l’amore con loro e da questo atto d’amore si crea una nuova coscienza, il consiglio da donare.

Ho imparato a leggere i Tarocchi e quando posso mi offro gratuitamente di leggerli a chi me lo chiede come servizio all’umanità. Per me è un atto sacro e creativo, sempre diverso. Ogni lettura per me è un opera d’arte e spesso, attraverso la lettura, mi viene ispirato un atto creativo da donare al consultante. L’atto creativo è una cosa che il consultante deve fare per sbloccare e riprogrammare i condizionamenti subconsci presenti in lui che gli impediscono di essere felice.

Per questo motivo ho chiamato il mio rapporto con i Tarocchi: PsicoTarocchi

Attraverso lo studio dei Tarocchi possiamo conoscere noi stessi: chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo.

Questo corso è un per-corso fatto di 22 passi verso la Conoscenza di Sé e quindi il Risveglio.

In questo viaggio imparerai a conoscere i 22 Arcani Maggiori che ti insegneranno a leggere il presente per capire il passato e riscrivere il futuro.

Non è un corso dove si insegna a leggere un ipotetico futuro, ma un corso dove si insegna a leggere l’inconscio: sede del nostro Destino

perché, come diceva Jung: “tutto ciò che rimane inconscio diventa destino

il principio di questo corso è: “Non posso dirti se otterrai quella cosa, ma posso dirti perché non la ottieni”

 

Programma

I sette passi del corso verso il Sé:

1. Storia, origini, i colori nel Tarocco, le posizioni dei personaggi, la
numerologia nei Tarocchi, la decina e il settenario nei Tarocchi,

2. Il Matto, il Mondo, il Bagatto e La Forza,

3. La Papessa e l’Appeso, L’Imperatrice e L’Arcano senza nome XIII

4. L’Imperatore e La Temperanza, Il Papa e Il Diavolo,

5.L’Innamorato, La CasaDio, Il Carro, La Stella,

6.La Giustizia, La Luna, L’Eremita, Il Sole, La ruota di Fortuna, Il
Giudizio

7.Come si leggono i Tarocchi, Giochi, Metodi di interpretazione,
come si stendono, pratica di gruppo.

Occorre avere un mazzo dei Tarocchi di Marsiglia perché lavoreremo col Tarocco marsigliese, non si può lavorare con altri tipi di Tarocco in questo corso.

Durante gli incontri ci potranno essere meditazioni, lavori pratici di dinamiche dei sé, rituali magici per connetterci con le Forze Superiori. Tutto questo andrà con l’Energia che di volta in volta si creerà nelle serate.

In ogni lezione ci saranno 2 o 3 consulti che dedicherò ai partecipanti che lo chiederanno sia per fare pratica da subito sia per rispondere a domande personali.

Questo lavoro è sia teorico che pratico. Il motivo principale di questo corso è conoscere i Tarocchi e saperli leggere, l’altro motivo è lavorare su di se per conoscere se stessi, evolvere e risvegliarsi. Quindi è anche un lavoro spirituale.
Il consiglio è di iscriversi solo se si ha un moto, un amore, un anelito nei confronti dei Tarocchi, della Magia e della Conoscenza di Se.
E’ garantito che al termine del corso tutti gli allievi saranno in grado di conoscere e leggere i Tarocchi.

Al termine si rilascerà attestato di partecipazione e libro.

RELATORE: Domenico Lisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.